Decreto Ristori: tutte le opportunità per le Imprese

Decreto Ristori: tutte le opportunità per le Imprese
Decreto Ristori: tutte le opportunità per le Imprese

CHE COS’E’

Il Decreto Ristori (Decreto Legge 28 ottobre 2020, n. 137) è stato approvato dal Consiglio dei Ministri in data 27 ottobre con il duplice obiettivo di tutelare la salute delle persone e di sostenere i diversi settori produttivi interessati dalle recenti limitazioni imposte dagli ultimi DPCM in contrasto all’emergenza Covid-19.

Il Decreto vale complessivamente oltre 5 miliardi di euro, stanziati per offrire risorse economiche alle Imprese e ai professionisti dei settori maggiormente colpiti dalle restrizioni.

QUALI MISURE INTRODUCE

Il Decreto Ristori introduce diverse misure, le principali opportunità per le imprese sono:

  • Contributi a fondo perduto
  • Sostegno all’Export
  • Proroga del periodo di cassa integrazione
  • Credito di imposta sugli affitti
  • Cancellazione della II rata IMU
  • Indennità rivolte ai lavoratori stagionali, dello sport e dello spettacolo
  • Reddito di emergenza
  • Fondo di garanzia per l’impiantistica sportiva

I CONTRIBUTI A FONDO PERDUTO

Il Decreto Ristori ha previsto l’erogazione diretta di contributi a fondo perduto attraverso l’Agenzia delle Entrate. I contributi sono destinati ai soggetti che alla data del 25/10/2020 hanno una partita IVA attiva e che svolgono attività in uno dei codici ATECO elencati all’interno dell’Allegato 1 del Decreto Ristori.

Ci sono però delle limitazioni: il contributo infatti spetta solo alle imprese con un ammontare di fatturato e dei corrispettivi del mese di aprile 2020 inferiore ai 2/3 dell’ammontare di fatturato e dei corrispettivi del mese di aprile 2019.

Come richiedere i contributi? Per le imprese che hanno già ottenuto dei contributi a seguito del Decreto Rilancio, l’erogazione è automatica, direttamente sul conto corrente, entro il 15 novembre. Per coloro che invece non hanno percepito alcun contributo in precedenza, è necessario fare domanda.

L’importo dei contributi a fondo perduto varia da settore economico e le percentuali spaziano dal 100% per attività di trasporto con taxi e noleggio con conducente al 400% per discoteche, sale da ballo e simili passando per le attività di ristorazione, sportive e culturali.

Previsti anche contributi a fondo perduto per le filiere agricole e della pesca e acquacoltura. E’ previsto anche l’esonero dal versamento dei contributi previdenziali e assistenziali per la mensilità relativa a novembre 2020.

SOSTEGNO ALL’EXPORT

Per il 2020 sono stati stanziati ulteriori € 150 milioni per finanziamentoi agevolati e € 200 milioni per cofinanziamenti a fondo perduto per le imprese esportatrici, sul fondo SIMEST

PROROGA DELLA CASSA INTEGRAZIONE

Il Decreto Ristori mette a disposizione € 2,1 miliardi complessivi per prevedere ulteriori 6 settimane di cassa integrazione ordinaria, assegno ordinario e cassa integrazione in deroga legate all’emergenza Covid-19. Le settimane possono essere fruite tra il 16 novembre e il 31 gennaio 2021 da parte delle imprese che hanno terminato le precedenti settimane e da parte delle imprese soggette a chiusura o limitazioni delle attività economiche. Ma attenzione: è prevista un’aliquota contributiva addizionale differenziata sulla base della riduzione di fatturato del I semestre 2020 rispetto a quello del I semestre 2019 che varia dal 9% per chi ha subito una riduzione di fatturato del 20% e pari al 18% per chi non ha avuto riduzioni di fatturato. La cassa integrazione è invece gratuita per coloro che hanno subito una riduzione di fatturato superiore al 20%.

Come richiedere l’agevolazione? Attraverso l’INPS.

CREDITO DI IMPOSTA SUGLI AFFITTI

Il Decreto Ristori va ad estendere il periodo di credito di imposta per gli affitti, per le imprese che hanno i codici ATECO inseriti nell’Allegato 1 al Decreto, ai mesi di ottobre, novembre e dicembre, indipendentemente dal volume dei ricavi e compensi registrato nel periodo di imposta precedente.

CANCELLAZIONE II RATA IMU

LA II rata IMU è stata cancellata, ma a condizione che i proprietari siano anche i gestori delle attività ivi esercitate.

INDENNITA’ PER LAVORATORI STAGIONALI, DELLO SPORT E DELLO SPETTACOLO

Viene erogata una indennità pari ad € 1.000 per le seguenti categorie di lavoratori:

  • Dipendenti stagionali del settore turismo e degli stabilimenti termali e ai lavoratori in somministrazione, impiegati presso imprese del settore turismo e degli stabilimenti termali che hanno cessato involontariamente il rapporto di lavoro tra il 1/1/2019 e il 29/10/2019 e che abbiano svolto la prestazione lavorativa per almeno trenta giornate in tale periodo, non titolari di pensione, né di rapporto di lavoro dipendente, né di NASPI alla data di entrata in vigore del Decreto Ristori
  • Dipendenti a tempo determinato del settore del turismo e degli stabilimenti termali che nel periodo 1/1/2019 29/10/2019 siano titolari di uno o più contratti di lavoro a tempo determinato nel settore del turismo e degli stabilimenti termali, di durata complessiva pari ad almeno trenta giornate; titolarità nell'anno 2018 di uno o piu' contratti di lavoro a tempo determinato o stagionale nel medesimo settore di durata complessiva pari ad almeno trenta giornate; non titolari di pensione o di rapporto di lavoro dipendente alla data di entrata in vigore Decreto Ristori
  • Dipendenti autonomi che a seguito dell’emergenza covid-19 hanno cessato, ridotto o sospeso la propria attività (operanti in settori differenti da quello termale e turistico, lavoratori intermittenti, incaricati alle vendite a domicilio)
  • Lavoratori iscritti al fondo pensione lavoratori dello spettacolo, con almeno 30 contributi giornalieri versati dal 1/1/2019 al 29/10/2020 e con un reddito non superiore a € 50.000 e non titolari di pensione ricosciuta

 Viene erogata una indennità pari ad € 800 per le seguenti categorie di lavoratori:

  • Impiegati con rapporti di collaborazione presso il Comitato Olimpico Nazionale (CONI), il Comitato Italiano Paralimpico (CIP), le federazioni sportive nazionali, le discipline sportive associate, gli enti di promozione sportiva, riconosciuti dal Comitato Olimpico Nazionale (CONI) e dal Comitato Italiano Paralimpico (CIP), le società e associazioni sportive dilettantistiche, i quali, in conseguenza dell'emergenza epidemiologica da COVID 19, hanno cessato, ridotto o sospeso la loro attività

REDDITO DI EMERGENZA (REM)

Per i mesi di novembre e dicembre vengono erogate due nuove tranche del Reddito di Emergenza, a partire da 400 euro, a tutti coloro che ne avevano già diritto e a chi, nel mese di settembre, ha avuto un valore del reddito familiare inferiore all’importo del beneficio. In quest'ultimo caso, la domanda deve essere presentata entro il 30 novembre 2020 tramite il modello predisposto dall'INPS. 

FONDO DI GARANZIA PER L’IMPIANTISTICA SPORTIVA

Il Decreto Ristori rifinanzia il Fondo di garanzia per l'impiantistica sportiva, mettendo a disposizione ulteriori € 5 milioni per l'anno 2020. Di concerto viene anche istituito il Fondo per il sostegno delle associazioni e società sportive dilettantistiche, con una dotazione di € 50 milioni per il 2020. 

 Per maggiori informazioni:

Decreto Ristori e relativo Allegato 


Condividi

Hai un progetto da realizzare? Contattaci per richiedere una consulenza

Scopri i servizi che abbiamo pensato per te e se non l'hai ancora fatto

}

Contatta il consulente per maggiori informazioni

Confermo di aver letto e di accettare le norme sulla privacy
Confermo di aver letto e di accettare le condizioni generali d'uso
Messaggio inviato correttamente.
Errore nell'invio del messaggio

La tua richiesta è stata inoltrata correttamente, sarà nostra cura risponderti nel più breve tempo possibile.

Chiama il consulente per maggiori informazioni

Tel. 0248015098

Vuoi saperne di più sulle Agevolazioni e sui Contributi a Fondo Perduto?

Compila il modulo invia la tua richiesta per metterti in contatto con un nostro consulente

Il tuo messaggio è stato inviato con successo.
C'è stato un errore nell'invio del messaggio
Confermo di aver letto e di accettare le norme sulla privacy
Confermo di aver letto e di accettare le condizioni generali d'uso